Dallol (vulcano) - Dallol (volcano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera
Dallol
ET Afar asv2018-01 img48 Dallol.jpg
Il punto più alto
Elevazione −48 m (−157 piedi)
Elenco
Coordinate 14 ° 14′30 "N 40 ° 18′00" E  /  14.24167 ° N 40.30000 ° E  / 14.24167; 40.30000
Geografia
Dallol si trova in Etiopia
Dallol
Dallol
Posizione in Etiopia
Posizione Etiopia
Gamma genitore Danakil depressione
Geologia
Tipo di montagna Crateri da esplosione
Ultima eruzione 2011

Dallol è un vulcano a cono di scorie nella depressione della Dancalia , a nord-est della catena dell'Erta Ale in Etiopia . Si è formato dall'intrusione di magma basaltico nei depositi di sale del Miocene e dalla successiva attività idrotermale. Le eruzioni freatiche ebbero luogo qui nel 1926, formando il vulcano Dallol; numerosi altri crateri eruttivi punteggiano le vicine saline . Questi crateri sono le più basse sorgenti vulcaniche subaeree conosciute al mondo, a 45 m (150 piedi) o più sotto il livello del mare. Nell'ottobre 2004 il magma superficiale la camera sotto Dallol si sgonfiò e alimentò un'intrusione di magma verso sud sotto la spaccatura. I segni di attività più recenti si sono verificati nel gennaio 2011 in quello che potrebbe essere stato un evento di degassamento dal profondo sotto la superficie.

La scoperta del vulcano da parte dei primi coloni europei risale sicuramente alle prime colonizzazioni e spedizioni nella regione, nel XVII o XVIII secolo. Ma l'ostilità della depressione, il caldo insopportabile che vi regna, ei pericoli del sito (bacini acidi, fumi tossici ...), non hanno favorito l'esplorazione delle zone vicine al cratere. Al contrario, l' Erta Ale era molto più accessibile, soprattutto perché la parte della spaccatura in cui si trova (denominata Erta Ale Range), è notevolmente più alta. L'ultima eruzione di questo vulcano fotomagmatico risale al 1926.

L'area di Dallol si trova fino a 120 metri (390 piedi) sotto il livello del mare ed è stata ripetutamente allagata in passato quando le acque del Mar Rosso sono confluite nella depressione. L'ultima separazione dal Mar Rosso risale a circa 30.000 anni fa. Il monte Dallol ha un'area di circa 3 per 1,5 km (1,9 per 0,9 mi) e sorge a circa 60 m (196,9 piedi) sopra le pianure saline circostanti. Una depressione circolare vicino al centro è probabilmente un cratere crollato. I pendii sud-occidentali hanno canyon, pilastri e blocchi di sale erosi dall'acqua. Numerose sono le sorgenti saline e i campi di piccole fumarole .

Numerose sorgenti termali scaricano qui salamoia e liquidi acidi. I geyser piccoli, diffusi e temporanei producono coni di sale. I depositi Dallol includono corpi significativi di cloruro di potassio trovati direttamente in superficie. Le colorazioni giallo, ocra e marrone sono il risultato della presenza di ferro e altre impurità. Le sorgenti più vecchie e inattive tendono ad essere marrone scuro a causa dei processi di ossidazione.

Il termine Dallol è stato coniato dal popolo Afar e significa dissoluzione o disintegrazione, descrivendo un paesaggio di stagni acidi verdi ( valori di pH inferiori a 1) e pianure desertiche di ossido di ferro , zolfo e sale. La zona assomiglia alle zone delle sorgenti termali del Parco di Yellowstone .

Galleria

Guarda anche

Riferimenti

link esterno